Atlantide è esistita davvero

by ArcheoWorld
227 views

Marcello Cosci, ricercatore pisano, ha sfidato le decine di migliaia studi già pubblicati sull’argomento e con un nuovo metodo di indagine ha dato una sua risposta a un mistero dell’archeologia che da molti secoli vede impegnate generazioni di studiosi. Immagini satellitari ne darebbero conferma: la mitica Atlantide si trovava in Africa, al largo della Sierra Leone e non è affatto stata sommersa dalle acque come afferma Platone ma si trova sempre nello stesso posto, oggi si chiama Sherbro.
Marcello Cosci è stato direttore del Laboratorio di fotointerpretazione archeologica dell’Università di Siena. Un giorno la sua attenzione fu catturata da un libro, che parlava di Atlantide, esposto su una bancarella. L’argomento suscitò il suo interesse professionale e decise di dare credito al racconto di Platone e mettere in pratica 30 anni di esperienza di fotointerpretazione archeologica investigando su possibili tracce archeologiche attraverso le immagini satellitari.
La ricerca di Cosci lo ha portato ad analizzare le immagini satellitari di tutte le isole dell’Atlantico utilizzando le viste fornite da Google Map e, successivamente, le immagini del QuickBird, con risoluzioni estremamente dettagliate. Il target finale, individuato dalla ricerca di Cosci, era l’isola di Sherbro, in Sierra Leone.
Dall’approfondimento sulle immagini del QuickBird arrivava la conferma della presenza, nel sottosuolo di Sherbro, di tre fossati concentrici, di un canale collegato al mare e di tracce di numerosi edifici sulla collina.
I risultati degli studi di Cosci sono pubblicati nel libro “Dai satelliti le prime immagini della mitica Atlantide” (Felici Editore, 2007)

You may also like

Leave a Comment