Pagine di pietra

by ArcheoWorld
223 views

Fin dall’alba dei tempi l’uomo ha sentito la necessità di lasciare una testimonianza del proprio passaggio in questa vita terrena. Il desiderio di essere ricordati ha motivato, ognuno a suo modo, a realizzare qualcosa che possa essere tramandato ad altri. Gli eroi lo hanno fatto con epiche imprese, re e imperatori con guerre e conquiste, artisti e poeti con opere d’arte e scritti. La forma è stata il mezzo usato per mandare un messaggio ai posteri. Anche i più umili hanno tentato di lasciare un segno. Spesso segni incisi sulla roccia. Ed è proprio alla ricerca di questi segni che si sono messi Giancarlo Sani e David Bonaventuri. Sono segni incisi sulle pietre, intere pagine di vita di uomini e donne di varie epoche che conducevano una vita rurale, di pastorizia. Segni che, analizzati uno ad uno, ci forniscono nomi, date, disegni e che ci svelano particolari fugaci del mondo dei pastori: uomini costretti alla solitudine ma, per questo, decisi a dichiarare la propria identità, le loro credenze, la loro religione, il proprio saper scrivere… la volontà di essere ricordati.

Troverai più nei boschi che nei libri. Gli alberi e le rocce ti insegneranno cose che nessun maestro ti dirà.

 – Bernardo da Chiaravalle

Giancarlo Sani, ricercatore del Comitato Scientifico CAI Toscana. Da molti anni si dedica allo studio dei segni dell’uomo in ambiente montano, in particolare alla ricerca, censimento e studio delle incisioni rupestri presenti in Toscana. Ha al suo attivo numerosi articoli a carattere divulgativo e scientifico. Alcuni suoi lavori sono stati presentati a convegni internazionali e simposi sull’arte rupestre.

David Bonaventuri, fotografo paesaggista e photo reporter sportivo. Da alcuni anni si è appassionato alle incisioni rupestri della sua amata Val di Lima. Membro del Centro Arte Rupestre Toscano, segretario della Pro Loco Bagni di Lucca e responsabile fotografico del Progetto Val di Lima si dedica alla valorizzazione del patrimonio naturale dell’Appennino Lucchese in collaborazione con diversi enti.

You may also like

Leave a Comment