Discrepanze sulla Creazione

by ArcheoWorld
126 views

La teoria attualmente riconosciuta e accettata dagli antropologi, paleontologi e biologi stima che la famiglia Hominidae si sia evoluta a partire da protoprimati, ramo comune dal quale discendono anche le scimmie africane, circa 6 milioni di anni fa e che fra i 3 ed i 4 milioni di anni fa il genere Homo si sia differenziato dall’Australopithecus e muovendosi lungo le coste si diffuse rapidamente dall’Africa, per lunghe distanze, nelle zone tropicali. Successivamente, con l’utilizzo di vestiti pesanti fu resa possibile anche la colonizzazione delle terre extratropicali. Gli umani generalmente vivevano in piccoli gruppi nomadi e l’avvento dell’agricoltura innescò la rivoluzione Neolitica. L’accesso a stabili risorse di cibo favorì la formazione di comunità permanenti, l’addomesticamento di animali e l’uso di utensili in metallo. L’agricoltura incoraggiò anche lo scambio e la cooperazione e con l’affermarsi della metallurgia e altre innovazioni furono gettate le basi per le prime società. I primi villaggi si svilupparono nelle regioni del Mesopotamia dove circa 6000 anni fa si formarono, così come nell’antico Egitto e, probabilmente, anche in Siria, le prime forme di città-stato. Queste civiltà svilupparono le prime forme di scrittura e le prime grandi religioni. Circa 3000 anni fa si svilupparono i primi imperi di espansione, fra cui la Persia, la Cina e l’Impero Romano. La cultura greca, fortemente interattiva con quelle minoica e persiana, innestatasi con quella romana dopo la sua conquista, fornì gli elementi essenziali della cultura del mondo occidentale, arricchitasi poi a livello istituzionale, essenzialmente grazie alla complessa struttura statale ideata dal sistema di Roma.
Questa, a grandissime linee, è la cronologia che delinea l’inizio della civiltà e che ci hanno insegnato fino dai primi libri di testo delle elementari. Ma è andata davvero così? Se confrontiamo la storia umana a una scala temporale cosmica che comprima i 14 miliardi di anni di tempo in un periodo di 10 minuti ci accorgiamo che la sua durata è breve quanto un battito di ciglia e quanto è antico e vasto il nostro universo. È possibile che la pur brevissima presenza umana su questo pianeta abbia prodotto una civiltà altamente evoluta e che altre razze che ci hanno preceduto, e che hanno dominato per decine di milioni di anni, non siano riuscite a raggiungere risultati analoghi? Certo, è possibile, anche se strano, ma i dubbi restano e alcune recenti teorie tendono a far pensare che non tutto è così certo.

Per comprendere meglio il concetto, guardando questo video, possiamo renderci conto di quanto incredibilmente vecchio è l’universo, e quanto siamo incredibilmente piccoli noi umani nel grande schema.

Courtesy of: John D. Boswell – Melodysheep https://www.melodysheep.com

You may also like

Leave a Comment