L’enigmatica “fascia di buchi” sull’altopiano di Nazca

by ArcheoWorld
517 views

Forse non molte persone sono a conoscenza di un luogo misterioso del Perù chiamato “The Band of Holes“, letteralmente “La fascia di buchi”, conosciuta anche in spagnolo come Monte Sierpe (montagna del serpente) o Cerro Viruela (collina del vaiolo), è una serie di circa 5.000-7.000 fori a grandezza umana trovati nella Valle del Pisco sull’altopiano di Nazca in Perù . La gente del posto non ha idea di chi li abbia realizzati o di come siano stati utilizzati. Nel corso degli anni si è ipotizzato che fossero tombe, postazioni difensive o depositi. La “fascia di buchi” si trova tra 13° 42’59,9 “S 75° 52’28,46” W e 13° 42’20 “S 75° 52’28,46” W che si estende con un orientamento sostanzialmente nord-sud su terreno irregolare.

La striscia inizia ai margini di una valle e risale una collina per circa 1,5 km. Le buche, in realtà fosse con bordi rialzati, hanno un diametro di circa 1 mt. e una profondità di 50-100 cm. Sono disposti in blocchi o segmenti distinguibili lungo una fascia che varia in larghezza da 14 a 21 mt., con una larghezza media di circa 19 mt. Stranamente, il mondo non venne a conoscenza della fascia di buchi fino al 1933, quando l’aviatore Robert Shippee pubblicò una fotografia aerea sul National Geographic.

La Band of Holes (a destra la foto scattata da Robert Shippee)

Ma fu solo nel 1953, 20 anni dopo, che Victor Wolfgang von Hagen fece un’indagine dell’area. Nel suo libro, The Royal Road of the Inca, descrive la fascia di buchi come una linea di tombe vuote. Ha scritto: 

Ci sono oltre 5.000 di queste tombe; vuote, tombe in quanto circolari e rivestite di pietra, e della stessa costruzione di quelle tombe che si trovano con mummie, intrecci e vasellame.

Victor von Hagen e il suo libro "The Royal Road of the Inca"

Ci furono altre visite al sito della fascia dei buchi nei primi anni ’70. Gli archeologi hanno determinato che i fori potrebbero essere un’importante area di stoccaggio. Ciò si basava sul fatto che la fascia di buchi si trovava tra due importanti complessi regionali Inca, Tambo Colorado e Lima la Vieja, e molto vicino alla strada costiera degli Inca.  Sebbene alcuni buchi siano allineati con precisione e alcuni siano sfalsati, nel complesso danno l’impressione di modelli artificiali intenzionali. I creatori dei buchi e il loro scopo rimangono un mistero.

Alcuni archeologi hanno ipotizzato che fossero tombe o depositi per il grano. Tuttavia, entrambe queste teorie sono state criticate considerando che ci sono modi molto più semplici per immagazzinare grano senza scavare nella roccia. Non vi è alcun segno di ossa, denti o artefatti di sepoltura che ne suggeriscano l’uso come luogo di sepoltura. Una teoria diversa suggerisce che i modelli alternati dei buchi avrebbero potuto essere unità di archiviazione per i pagatori di tributi all’Impero Inca. Diversi villaggi o gruppi di persone avrebbero potuto portare i prodotti richiesti per essere contati riempiendo i buchi in diverse sezioni. Successivamente, le merci potrebbero essere trasportate in un luogo deciso dalle autorità inca. Il mistero del sito risiede anche nell’impossibilità di determinare il metodo utilizzato per la realizzazione dei buchi, e c’è disaccordo su quanto tempo avrebbero potuto impiegare per realizzarli. Alcuni sostengono che occorrerebbero decenni per completare l’attività, mentre altri suggeriscono che anche con la tecnologia antica, un gruppo più ampio di persone avrebbe potuto completarlo in meno di pochi mesi. Ma quale era il loro scopo?

Un tipico foro che compone la Band of Holes

Nel sito non sono stati scoperti artefatti che potrebbero rivelare il vero scopo dei fori. Né c’è niente sui loro creatori. Ci sono solo alcuni indizi che potrebbero risolvere il mistero. A pochi chilometri a est, le immagini satellitari rivelano quelli che sembrano essere i resti di un antico insediamento. Sebbene assomigli alle famose rovine di Machu Picchu e un importante centro amministrativo Inca si trova a circa 5 km a est di quel sito, la posizione non è stata ufficialmente identificata come parte di una particolare civiltà antica. The Band of Holes copre un’area di circa 1,5 km con un inizio e una fine ben definiti. L’area del punto finale è in modo innaturalmente oscurato di colore ed alcuni dicono assomigli a un’area distrutta da un’esplosione. Questo ha aperto una serie di variegate teorie ispirando persino un episodio di un popolare programma televisivo.

Nel 2015, gli archeologi dell’UCLA hanno fatto una breve visita al sito, utilizzando la fotografia di aerei droni per creare una mappa dettagliata. Si ipotizza che i fori avrebbero potuto essere utilizzati per misurare i prodotti dati in tributo allo stato Inca; le misurazioni potrebbero essere state registrate su Khipus (metodo che consisteva nel legare disposizioni molto precise di nodi di diversi colori su corde Inca) e segnalate a funzionari governativi. Gli archeologi sperano di fare ulteriori studi per rilevare pollini o fitoliti che potrebbero tendere a confermare questa ipotesi.

You may also like

Leave a Comment